“Islanda chiama Italia”, l’introduzione

“Andrea ci racconta l’ascesa e la caduta del sogno islandese , dalla nascita della società neoliberale fino alle vicende più recenti, che hanno visto gli abitanti dell’isola ribellarsi contro i propri governanti corrotti, contro i banchieri senza scrupoli responsabili del collasso del paese, contro l’intera comunità internazionale che pretendeva il pagamento di un debito ingiusto, contratto da banche private.”

Islanda chiama Italia

2013-05-27 17.13.39_PeterA tutti sarà capitato, per una sventura o per un’altra, di giocare al gioco delle sedie. A qualcuno a scuola, ad altri in campeggio, a chi infine in qualche villaggio vacanze – un po’ squallido, ammettiamolo. Ma non è questo il punto. È quel gioco in cui c’è sempre una sedia in meno rispetto al numero di giocatori. Finché c’è la musica tutti stanno in piedi e camminano e ballano, parlano fra loro e scherzano, magari si divertono pure; poi la musica finisce ed ognuno si precipita alla ricerca di una sedia. E inevitabilmente qualcuno alla fine resta in piedi.

Ecco, l’economia contemporanea dalle cifre gonfiate a dismisura dalla speculazione finanziaria mi sembra simile al gioco delle sedie. In una variante un po’ particolare, in cui i giocatori sono diverse centinaia e le sedie, ahimè, solo poche decine. Ora, finché c’è la musica ci si può illudere facilmente che ci…

View original post 1.199 altre parole

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...