Je suis Charlie Hebdo

10926421_10155032866920693_1166127448502525931_nOggi è un giorno di lutto per tutto l’Occidente: il terribile assalto di due Jiadhisti islamici che, urlando Allah Akhbar, Allah è grande, hanno ammazzato 12 persone, 10 redattori di Charlie Hebdo, giornale satirico francese, e due poliziotti che erano fuori a vigilare, è come una dichiarazione di guerra; e poiché la violenza attira sempre altra violenza, c’è da aspettarsi tempi bui.

Il capo di Stato Hollande ha condannato l’attentato. Dura anche la condanna del mondo musulmano francese. “A nome dei musulmani di Francia, nella loro quasi unanimità, sono qui per condannare l’orrore di questo crimine indicibile”, ha detto il presidente del Consiglio francese per il culto musulmano, Dalil Boubakeur, giungendo davanti alla redazione di Charlie Hebdo a Parigi.  “Ci inchiniamo davanti a tutte le vittime di questo dramma orribile”, ha aggiunto.

144635394-9b2d2609-80cb-4b96-9f9c-ae08564fc9fb

“Ancora nessun attentato in Francia” e, sotto, il disegno di un talebano armato che dice “Aspettate. Abbiamo fino alla fine di gennaio per fare gli auguri”. E’ questa l’ultima vignetta di Stephane Charbonnier – direttore del settimanale satirico Charlie Hebdo dal 2009 – rimasto ucciso insieme ad altre undici persone nell’attentato terroristico compiuto oggi a Parigi nella sede del giornale.

3 pensieri su “Je suis Charlie Hebdo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...