“In Basilicata tra pale eoliche e nuovi Don Chisciotte” di Paolo Rumiz

da Repubblica.it
Don Chisciotte era niente. La Mancha nemmeno. La lotta vera con i mulini a vento la fai in Basilicata, Italia, tra l’Ofanto e Melfi. Comincia con una strada misteriosamente chiusa al traffico; la Statale 303, di nuovo lei, ma ancora più sfasciata, e degradata a Provinciale. Non ci passa più nessuno, come se il tratturo antico se la fosse rimangiata. E noi la risaliamo in un silenzio ingannatore, tra finocchietto e ginestre, attirati dalla Medusa. Nessuno di noi sa che questa sarà la tappa più dura del viaggio.
Il grano è pettinato al contrario, perché dopo Borea è arrivato lo Scirocco con tafani nervosi. Ed è un corpo a corpo, contro la salita, contro il vento, persino contro le pecore, che scendono a slavina verso il fiume.
«Di dove siete?», chiede il giovane pastore che le segue stravaccato in macchina. Non ha mai visto nessuno passare a piedi di là. Gli italiani non camminano nella pancia del loro Paese. «Siamo del Nord».
La sorpresa si tramuta in sbalordimento. «E dove andate? ».
«A Brindisi».
Ride, si sbraccia per salutarci e passa oltre, strombazzando dietro al gregge lanciato verso l’abbeverata in una scia di caccole.
Ma già dal fiume sale un’autocisterna piena d’acqua, con un altro giovanotto al volante. Musica rock dal cruscotto, cicca accesa e portiera aperta per ventilare le ascelle. Anche lui non ha mai visto nessuno a piedi da queste parti.
«Ditemi un po’, ma che fate? Passeggiate? Con sti zainetti ‘ncoppa?».
«Andiamo da Roma a Brindisi ».
«A piedi?».
Noi in coro: «Certamente».
E lui: «Ma chi vi paga?».
Noi: «Storia lunga. Ma lei piuttosto, che fa?».
«Bagno la strada per i mezzi pesanti che arrivano. Tra poco cominciano a lavorare quelli delle pale».
Alziamo gli occhi verso la collina. La traccia dell’Appia, già divorata dai campi di grano e dagli orti, muore contro un gigantesco parco eolico. Sopra di noi quattro colonne mozze di torri in costruzione, targate Alfa Wind, immense già prima di essere finite. Roba di ottanta metri, senza contare le pale. Ed è solo l’inizio. Le alture e i boschi dove Federico II di Svevia andava a caccia sono talmente scorticati dall’industria del vento che anche il gomitolo della nostra strada ci sfugge di mano.
… Goethe, Viaggio in Italia , 1786: i Romani “lavoravano per l’eternità. Avevano calcolato tutto, tranne la follia dei devastatori, a cui nulla poteva resistere”.
Ed ecco i primi mostri, peseranno come 5- 6 carri armati ciascuno. Lenti, inesorabili, indifferenti alla nostra presenza, passano sull’ex 303 dissestandola definitivamente. Azienda “Ruotolo”, “Fratelli Runco” da Cosenza. Giganteschi anche gli autisti. Sembrano i padroni. E invece no, i capi sono altri: mercenari alieni dalle mani di pianisti, giovani tecnici stranieri che lasciano la fatica agli italiani. Passano ragazzi spagnoli, col sorriso vagamente canzonatorio, abbronzati, in T shirt nere, su furgoni bianchi o land-rover. Il nome della ditta, “Moncobra”, sembra rubato a un film di Tarantino. Poi gli irlandesi. Li chiamano “Erection manager”, altro nome dell’altro mondo, perché sanno erigere questi falli ad altezze paurose.
Poco oltre, un podere, con un contadino che suda attorno ai pomodori. Gli chiedo cosa pensa dei giganti intorno a lui, ma non risponde. Come se il mondo non lo riguardasse. Ma che fai, vorrei dirgli, non vedi che sei rimasti solo, che i vincenti sono loro? Non capisci che qui nessun politico verrà mai, e tantomeno a piedi, a vedere cosa sta succedendo quassù? Guarda cosa è accaduto a San Giorgio la Molara, sopra Benevento, diventata inaccessibile perché l’eolico gli ha devastato le strade. E guarda qui a due passi, in contrada San Nicola. Hanno espropriato terreni agricoli per fare una enorme centrale elettrica collegata alle pale, e l’hanno dichiarata “temporanea”. Ma qui nulla è temporaneo. Qui si svende l’Italia. E ognuno sa che è “per sempre”.
Ancora torri immense. Di una è stato appena scavato il basamento, grande come mezzo stadio di calcio. Oltre, bulldozer sventrano altri campi da grano, e lo sterro lascia ai lati montagne di detriti che saranno spianati chissà quando. La morte della strada è certificata dai ruderi di una cantoniera: “Anas” c’era scritto, ma è rimasta solo la lettera “A”, e tu ti chiedi perché in Italia non esiste il reato di incuria e abbandono del pubblico bene. Attorno, la dolcezza dei declivi, anziché consolarti, ti ara l’anima e ti fa schiumare di rabbia. Capisci di essere un vano ficcanaso, un moscerino impotente; se ne accorge anche l’ultimo degli operai. «Che fate?» ci chiedono da un cantiere. «Un film», rispondiamo. «E come si chiama?». «Appia antica». E loro giù a ridere.
Dalla cima del colle, chiamato Torre della Cisterna, appare la Puglia sterminata a desertica. L’unica terra, forse, che le pale eoliche non riescono a schiacciare, ma paradossalmente sembrano mettere a misura. Sotto di noi, una superstrada e una ferrovia, con una traccia plausibile dell’Appia che passa sotto i piloni di entrambe. Ma è subito Far West, il corpo a corpo col filo spinato, poi con una recinzione abusiva, infine con un canneto, dal quale usciamo quasi nuotando, tenuti su dal fogliame, senza toccare il terreno, pieni di sete e graffiati da capo a piedi. Ma Riccardo, la nostra guida, ritrova il gomitolo e apre la strada, tranquillo. Sulla mappa Igm c’è scritto “strada provinciale di Leonessa”, ma la strada è solo uno sterrato senza anima viva. Tracce di basolato sotto un dito di polvere. E noi avanti, tra i campi, fino a una valletta incantata piena di ginestre. Profumo da sballo. In cima, un ripetitore. E la vista magnifica sul castello di Melfi.
©RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...