Tabù del mondo: feticismo. “L’uomo che amava una calza più di una donna” di Massimo Recalcati

da Repubblica in edicola oggi

La passione dell’avaro è ipnotizzata dai suoi averi. La dedizione per la borsa conta di più di quella per l’amore. Tra la donna e la sua “cassetta” non è sfiorato dal minimo dubbio. La sua attitudine accentua il carattere feticistico del desiderio umano che Freud ha per primo messo in evidenza. Il feticista è, infatti, colui che individua l’oggetto del suo desiderio in un oggetto inumano (scarpe, mutande, calze, ecc.) o in un frammento del corpo (seni, gambe, piedi, ecc.). Se l’avaro non ha dubbi nello scegliere tra l’amore e i suoi averi, anche il feticista preferisce una calza, una scarpa o un piede all’incontro con l’Altro. La sua opzione è chiara: egli subordina il valore dell’oggetto amato dalla presenza o meno del feticcio. Come la cassetta rende l’avaro incapace di ragionare, prigioniero del suo fantasma di appropriazione sconfinata, la fascinazione irresistibile che emana dal feticcio rende il feticista un vero e proprio idolatra: i feticci di cui egli è dipendente gli appaiono come veri e propri idoli ai quali consegnarsi senza riserve.
Nel Capitale Marx ha sviluppato una celebre analisi del feticismo delle merci mostrando come nel regime capitalista gli oggetti del mercato non rispondano più alla semplice necessità di soddisfare un bisogno, ma appaiono dotati di un valore di scambio che prescinde dal loro reale valore d’uso. Si tratta di una sorta di animazione paradossale degli oggetti attivata in modo artificioso dall’azione del mercato che li trasforma in merci feticizzate. La sociologia contemporanea rivela che questo processo ha talmente smaterializzato l’oggetto dando luogo ad un inedito feticismo; quello delle marche. La bellezza e l’efficienza di un prodotto non valgono nulla se non sono contrassegnate dal potere impalpabile della marca, nella cui importanza crescente, Pasolini aveva giustamente avvistato il passaggio epocale dalle società religiose a quelle dominate dalla pubblicità e dal consumismo dove, come in un celebre slogan pubblicitario — al quale non a caso egli aveva dedicato un’attenzione speciale — , una marca di jeans può prendere letteralmente il posto di Dio: «Non avrai altro jeans al di fuori di me!».
Il desiderio feticista è un desiderio idolatra perché preferisce il “pezzo” all’incontro con l’Altro. Si tratta per Freud di una attitudine che qualifica in modo particolare il desiderio maschile: il corpo della donna viene smembrato meccanicamente in una molteplicità di “pezzi” dai quali il desiderio del soggetto appare irresistibilmente attratto. Il desiderio del feticista viola l’idea del rapporto sessuale come rapporto tra corpi erotici. Quello che lo interessa non è il corpo del suo partner, ma solo una parte di quel corpo (gambe, seni, mani) o l’appendice che lo riveste (mutande, calze, scarpe). Il rapporto non è più tra soggetto e soggetto, ma tra soggetto e oggetto: il feticista adora il suo oggetto-feticcio che gli serve per scongiurare la sua angoscia di fronte all’incontro con l’Altro sesso. Meglio, infatti, dipendere da un oggetto inanimato o da un pezzo di corpo che da un soggetto libero di rivolgersi altrove, di andarsene o di desiderare altro. Non a caso per Freud la genesi dell’oggetto-feticcio scaturisce dalla percezione penosa e insopportabile da parte del bambino della castrazione del corpo della madre. Se la madre è stata una figura idealizzata, vissuta come onnipotente e priva di mancanza (madre fallica), essa, in realtà, si rivela prima o poi agli occhi del bambino come castrata, sprovvista del fallo. Di qui l’angoscia che, secondo Freud, sovrasterebbe il soggetto sospingendolo a trovare una soluzione. La più nota è quella della rimozione che consiste nel relegare nell’inconscio questa percezione spiacevole per conservare intatta l’immagine idealizzata della madre. L’altra è quella propriamente feticistica: la percezione è stata talmente intensa che non può essere rimossa, ma viene rinnegata. Il bambino vive, cioè, nello stesso tempo sia la percezione penosa della castrazione della madre, sia la sua negazione. Il feticcio serve infatti al soggetto per attribuire, in un modo obliquo, un fallo alla madre castrata risolvendo così l’angoscia di castrazione che la vista del suo corpo senza il fallo aveva provocato: le mutande, i seni, le scarpe col tacco servono al feticistica per esorcizzare l’impatto angosciante che ha avuto la castrazione materna.
Di questo “film” di Freud possiamo trattenere l’idea di base: la presenza del feticcio serve a scongiurare l’angoscia di castrazione. In questo senso viviamo in un’epoca dove gli oggetti appaiono come partner inumani (droga, televisione, bottiglia, psicofarmaco, internet, cibo, culto della propria immagine, ecc) che hanno preso feticisticamente il posto dei partner umani, ma che, diversamente da questi ultimi, hanno la caratteristica di assicurare la loro presenza, di non tradire e di non andarsene mai.
 segue (…)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...