Michele Smargiassi sulla mostra di Hopper a Bologna

 da Repubblica oggi in edicola; essendo un contenuto a pagamento riporto solo la prima parte dell’ottima recensione scritta da MICHELE SMARGIASSI

Hopper prima di Hopper

Il lato europeo dell’artista eterna icona d’America

Schermata 2016-04-24 alle 05.45.09
Summer Interior ( 1909, Whitney Museum, New York)
BOLOGNA
Confessò quasi con imbarazzo, scusandosi per essere forse «poco umano», che in fondo tutto ciò che aveva voluto dipingere nel corso della sua vita era «la luce del sole sulla parete di una casa». Ineffabile Edward Hopper, il pittore che ha attraversato il Novecento delle rivoluzioni, delle avanguardie, delle guerre, stando solo sul cuor della terra, trafitto da quel raggio di sole e da null’altro. Hopper, artista trasparente come l’aria frescazzurra del mattino che circonda i suoi fari sulla costa di Cape Cod. Hopper, il grande conosciuto, uno dei due o tre pittori americani di cui un italiano medio istruito ricorda il nome (gli altri sono Warhol e forse Pollock). Hopper, così riconoscibile che quando per caso ci esce dallo smartphone una foto con quella certa atmosfera esclamiamo subito, felici: «Oh, guarda, mi è venuto un Hopper!». Hopper, della cui mostra bolognese (Palazzo Fava, fino al 28 luglio) il grande pubblico di picture- goers va affollando le sale per cercare quello che già conosce.

E forse esce un po’ deluso, o frastornato, perché cerca un Hopper e ne trova un altro. Nella selezione di una sessantina di opere che Barbara Haskell e Luca Beatrice hanno attinto dal Whitney Museum di New York, grande scrigno hopperiano, mancano quasi del tutto i suoi angoli nottambuli del Village rischiarati da una piatta satura luce artificiale, così come i suoi interni di appartamenti modernisti abbagliati dalla proiezione geometrica della luce di una finestra, cioè mancano i suoi Rembrandt e i suoi Vermeer metropolitani, e i visitatori devono attendere le ultime due sale, con le case assolate dai portici aperti sulla costa atlantica, per rinfrancarsi e convincersi di non aver sbagliato mostra.

Schermata 2016-04-24 alle 05.45.42

Schermata 2016-04-24 alle 05.55.56
Blu night ( 1914)

segue sul giornale cartaceo; on line è un contenuto a pagamento.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...