dal Fq.: Quei dossier del Caimano contro nemici e “traditori” di Gianni Barbacetto

Schermata 2018-04-15 alle 11.50.46.png

Ansa

Irrilevante? Silvio Berlusconi il Condannato è stato espulso dal Parlamento e non si può candidare alle elezioni. Silvio Berlusconi il Politico ha perso per strada 10 milioni di voti ed è stato superato, nel centrodestra, dall’alleato Matteo Salvini. Eppure il leader di Forza Italia continua a presidiare la scena e a tenere congelato il quadro politico, permettendosi perfino di umiliare gli alleati con le sue squinternate gag al Quirinale. Perché resta, malgrado tutto, così forte? Perché ha ancora una dote di voti e un nutrito gruppo di fedeli in Parlamento. Perché i suoi alleati continuano a essergli grati per aver portato la destra e la Lega al governo. Ma ci sono anche altri, più invisibili motivi?

Il direttore del Giornale, Alessandro Sallusti, due giorni fa ha mandato un pizzino al leader della Lega: “Occhio al confine tra un legittimo rinnovamento e un tradimento. Sono certo che Salvini, anche per il suo bene, sappia esattamente dov’è e mi auguro non lo attraversi”. Per il suo bene. Si sa che a Berlusconi, grande seduttore di uomini e donne, piace più essere amato che temuto, eppure nella sua vita ha usato anche metodi molto diversi dalla seduzione. È Roberto Maroni – oggi leghista più vicino a Berlusconi che a Salvini – a raccontare un episodio che illumina il lato nascosto della forza di Silvio. Dopo aver fatto per 226 giorni il suo ministro dell’Interno, nel 1995 rivela in un’intervista di aver visto molti dossier. “Ne giravano tanti”. Ferveva il lavorio sotterraneo della delegittimazione, che non risparmiava neppure le più alte cariche dello Stato: “Ce n’era uno anche su Oscar Luigi Scalfaro”. L’allora presidente della Repubblica. “Per il mio ruolo istituzionale, decisi di avvertire il presidente. Lui mi rispose, tranquillo: ‘Che lo tirino fuori, io non ho nulla da nascondere’. Poi di quel dossier non si seppe più nulla”.

CONTRO MANI PULITE. La macchina del fango comincia a lavorare prima del suo arrivo al governo. Innanzitutto contro Antonio Di Pietro, il magistrato di Mani pulite. “Berlusconi ce l’aveva a morte con Di Pietro, perché lo superava nei sondaggi di popolarità”, racconta Maroni nel 1995. Il mondo Fininvest si era messo in moto per dossierare il magistrato che stava rivelando Tangentopoli. Nel maggio del 1994, proprio mentre parte l’indagine sulle tangenti alla Guardia di finanza che arriverà anche a Berlusconi, un brigadiere delle Fiamme gialle, Paolo Simonetti, si mette a caccia di notizie compromettenti su Di Pietro e il pool Mani pulite. Sulla sua agenda e sul suo computer annota i suoi punti di riferimento, con sigle facili da decrittare: Berpao (Paolo Berlusconi), Braal (Aldo Brancher), Preces (Cesare Previti), Dadant ( Antonio D’Adamo). Tutti uomini Fininvest. Non era l’unico al lavoro. Tra i più attivi c’è Antonio D’Adamo, ex manager Fininvest. I suoi affari immobiliari andavano male, ma il Cavaliere lo sostiene con aiuti consistenti. In cambio, riceve un memoriale in cui si rivela che Di Pietro ha ricevuto soldi da un suo indagato, il banchiere Francesco Pacini Battaglia. C’è anche un nastro con la registrazione delle confidenze di D’Adamo, confezionato con un “taglia e cuci” da cui si capisce che il magistrato sarebbe stato corrotto dal banchiere. Ci vorrà una lunga indagine a Brescia per prosciogliere Di Pietro e stabilire, nel 1999, che “il fatto non sussiste”.

LA LEGA IN PUGNO. In quegli anni, si stringe un rapporto forte tra Berlusconi e Umberto Bossi, il leader della Lega Nord. Insieme vincono le elezioni del Tangentopoli Antonio Di Pietro con Gherardo Colombo 1994, ma poi è Bossi a staccare la spina al governo, mentre il giornale del Carroccio, La Pa

d an ia , comincia a chiamare Berlusconi “il mafioso di Arcore”. Nell’agosto del 1998 pubblica con grande evidenza dieci domande sull’odore dei soldi e sulle imbarazzanti relazioni siciliane del fondatore di Forza Italia. Nel 2000, il clima cambia. Bossi e Berlusconi siglano un patto di ferro che li porterà al trionfo elettorale del 2001. “L’accordo potrebbe essere raggiunto in tempi brevi. Si può dire che è stato raggiunto, in parte è già scritto”, dichiara Bossi a Repubblicail 27 gennaio 2000. “Ma lo avete depositato del notaio, come scrive qualcuno?”, gli chiede l’intervistatore. Il leader del Carroccio lo gela: “A che cosa serve il notaio in politica? Sono cose da matti, invenzioni fantasiose”. Eppure la notizia dell’esistenza di un patto scritto circola da subito. E arriva dall’interno della Lega. Qualcuno favoleggia di un accordo con una parte anche finanziaria: una fideiussione, debiti appianati, bilanci risanati. “Cose da matti, invenzioni fantasiose”, come dice Bossi. Qualche anno dopo, si saprà che all’esistenza di quel patto scritto credeva anche la secu

rityTelecom guidata da Giuliano Tavaroli, che lo ha cercato a lungo. Quando nel 2007 arrestano un collaboratore di Tavaroli, il giornalista di Famiglia

cristiana Guglielmo Sasinini, tra i documenti che gli sequestrano ci sono anche appunti sul presunto patto Berlusconi-Bossi. Dicono: “In quel periodo pignorata per debiti la casa di Bossi”. E poi: “70 miliardi dati da Berlusconi a Bossi in cambio della totale fedeltà”. “Debiti già ripianati con 70 mld”. E ancora: “Notaio milanese?”. Segue anche il nome “Tremonti”, senza però altri dettagli. Bossi non si scompone: “Figurarsi! Una balla spaziale. Berlusconi è uno che non tira fuori un soldo nemmeno per pagare i manifesti elettorali… figurarsi se tira fuori dei soldi per la Lega!”. Ma i soldi per la Lega qualcuno li ha tirati fuori. È Gianpiero Fiorani, il banchiere della Popolare di Lodi che nel 2005 guida gli assalti dei “furbetti del quartierino”. È lui che salva la Lega arrivata a un passo dalla bancarotta a causa di investimenti sbagliati: un villaggio turistico in Croazia, ma soprattutto una banca (Credieuronord) che in soli tre anni brucia oltre 10 milioni e riesce a perdere quasi per intero il capitale sociale, con le azioni pagate 25 euro l’una che alla fine dell’avventura crollano a 2,16 euro. I capi leghisti rischiano, con la bancarotta, di rimetterci la faccia e magari anche i patrimoni. Ma arriva il salvatore: Fiorani. Nel 2004 compra Credieuronord e annega i debiti della banchetta leghista nell’accogliente pancia della Popolare di Lodi.

Le finanze leghiste restano comunque fino a oggi un oggetto misterioso. Su questo sfondo opaco, non è così strano che possano attecchire le leggende di patti segreti che legano per la vita il Silvio e l’Umberto. E magari anche i suoi successori. “Cose da matti, invenzioni fantasiose”: parola di Bossi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...