dal manifesto: Morto che parla. Riappare il «reporter» russo, ucciso per finta

Martedì sera, Kiev. Il giornalista russo dissidente Arkady Babcenko rientra a casa dal supermercato. Ad attenderlo un killer che lo fredda alle spalle all’ingresso dell’appartamento. La moglie, in bagno, lo soccorre, ma il decesso di Babcenko avviene pochi attimi dopo. Ieri ore 16, dopo una giornata tesa di accuse e contro-accuse, di consultazioni in tutte le cancellerie mondiali arriva il dietrofront: Arkady Babcenko è vivo e vegeto. Ed è lui stesso ad annunciarlo in conferenza stampa a Kiev. Il ministero degli interni ucraino, dopo aver accusato i servizi segreti russi dell’omicidio convoca una conferenza stampa per sostenere che si era trattato solo di una operazione di intelligence. Poco più uno scherzo.

«ABBIAMO IMPEDITO l’omicidio di Babcenko da parte dei servizi segreti russi conducendo un’operazione speciale», ha sostenuto Vasily Gritsak, il capo dei servizi segreti ucraini davanti agli attoniti giornalisti.

«I mandanti avevano promesso 30 mila dollari all’esecutore, un cittadino ucraino e ex militare in forza nel Donbass». Secondo i servizi ucraini 15 mila dollari erano già stati versati dai servizi russi a un mediatore e 10 mila all’esecutore che «ora sarebbe agli arresti a Kiev». Secondo gli ineffabili funzionari di Kiev al complotto «avrebbero partecipato ben trenta persone».

Poi è intervento lo stesso «giornalista risorto» il quale ha affermato di aver partecipato a «un’operazione per prevenire attacchi terroristici dei servizi speciali russi sul territorio ucraino». «Questa operazione è stata preparata per due mesi, mi è stato dato un mese di corso di formazione, e questo mese ho visto come lavoravano i ragazzi dei servizi… Il risultato è stata questa operazione speciale» ha dichiarato l’agente provocatore. E per rendere la fiction ancora più appassionante ha perfino affermato che «per quello che ne so il mio omicidio era stato programmato durante Real Madrid-Liverpool» la finale di Champions League, tenutasi proprio a Kiev scorso sabato.

DA PARTE RUSSA mentre il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov si è rifiutato di commentare, il ministero degli esteri russi ha parlato – in un stringato comunicato – di «provocazione dei servizi ucraini che ormai non sanno più dove cercare il nemico». La commedia degli equivoci, a metà tra una macabra messa in scena e un racconto situazionista, getta nel discredito più completo il regime di Poroshenko. Dopo la lunga telenovela di qualche mese fa, quando lo spettacolo messo scena fu il «Movimento delle Forze Nuove» di Misha Saakashvili con tanto di fughe sui tetti di Kiev e inseguimenti tra macchine della polizia e servizi d’ordine dell’ex presidente georgiano, ecco finire alla ribalta la mediocre pièce dei servizi ucraini.

SECONDO ALCUNE FONTI, il governo ucraino aveva organizzato una provocazione anti-russa, ma qualche cosa deve essere andato storto durante la giornata ieri. Allora il governo avrebbe deciso, in tutta fretta, di far «risorgere» Babcenko e proposto all’opinione pubblica internazionale l’inconsistente storia dello «sventato attacco». Un’ipotesi, che se fosse provata, dimostrerebbe il livello di degrado raggiunto dalla dirigenza ucraina. Per tutta la giornata si erano rincorse indiscrezioni, rivelazioni e accuse .

AVEVA INIZIATO IL MINISTERO degli interni ucraino, facendo circolare un identikit del presunto assassino, un giovane con la barba, il berretto calcato sulla testa e gli occhi di ghiaccio del killer professionista. A metà mattinata l’accusa contro il Cremlino: «Per metodo e stile è evidente che si tratta di una azione del Fsb russo» affermava il governo di Kiev. Seguivano le parole accorate della Commissione Europea la quale si dichiarava «sconcertata per l’omicidio di un coraggioso giornalista». Si mobilitava poi Amnesty International per chiedere che «venisse assicurato alla giustizia l’autore del crimine». Davanti all’ambasciata russa a Kiev fiori, lacrime e qualche manifesto di protesta. Infine giungeva a anche, poco prima della clamorosa smentita, la dichiarazione del direttore del Fsb Alexander Bortnikov che rispondeva alle accuse. «Sono tutte sciocchezze, mi sembra che a Kiev stiano ormai delirando, assomiglia molto alla faccenda Skripal… una provocazione della più bell’acqua».

Un pensiero su “dal manifesto: Morto che parla. Riappare il «reporter» russo, ucciso per finta

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...