“Banca Etruria: le sviste dei vigilanti.” Quei 464 giorni di ispezioni Bankitalia che non hanno impedito il collasso di FABIO TONACCI per Repubblica

La crisi. Via Nazionale sapeva che l’istituto aretino non stava più in piedi. Ma non adottò le misure adeguate e Consob non fermò la vendita di bond alle casalinghe ROMA. Quattrocentosessantaquattro giorni non sono bastati. Messe in fila, le tre ispezioni di Bankitalia che hanno messo il naso nei conti dell’Etruria tra il 2010 e il 2015 sono durate quasi un anno e mezzo. Eppure, non ne hanno impedito il collasso. Né la Consob è riuscita a tutelare i risparmiatori quando gli amministratori toscani hanno deciso la mossa della disperazione, cioè vendere titoli rischiosissimi a casalinghe, pensionati e operai. I … Continua a leggere “Banca Etruria: le sviste dei vigilanti.” Quei 464 giorni di ispezioni Bankitalia che non hanno impedito il collasso di FABIO TONACCI per Repubblica

Il salvataggio delle banche venete potrebbe costare allo Stato, quindi a noi, 10 miliardi; e degli ex vertici nessuno paga..

economia Banche venete, Intesa offre un euro Liquidazione a caro prezzo per lo Stato L’istituto guidato da Messina vuole solo la parte sana di Popolare Vicenza e Veneto Banca Il Tesoro cerca la trattativa per spuntare di più: ora l’operazione rischia di costargli 10 miliardi di ANDREA GRECO per Repubblica MILANO. Con la forza di chi sa di essere l’unico compratore possibile, Intesa Sanpaolo lancia il suo salvagente alla parte più sana delle due ex popolari Vicenza e Veneto banca. Salvagente da un euro, ma che potrebbe costare una decina di miliardi allo Stato: che per non far pagare ai … Continua a leggere Il salvataggio delle banche venete potrebbe costare allo Stato, quindi a noi, 10 miliardi; e degli ex vertici nessuno paga..

Negli USA Amazon compra la catena del bio Whole Foods e diventa “old style” , di FEDERICO RAMPINI

La svolta. Il colosso del digitale acquisisce per 13,4 miliardi Whole Foods: è sfida a Walmart È la New Economy che divora la Old, dopo averla messa in crisi. Il colosso delle vendite online Amazon compra la catena di supermercati “bio” Whole Foods per 13,4 miliardi di dollari. È un’acquisizione che conferma la supremazia delle aziende digitali della West Coast, le nuove padrone dell’American Way of Life, che in poco più di un decennio hanno rivoluzionato i modelli di consumi. In apparenza l’operazione conferma anche il ritorno di Amazon verso “l’antico”, l’investimento in punti vendita fisici, con vetrine su strada; … Continua a leggere Negli USA Amazon compra la catena del bio Whole Foods e diventa “old style” , di FEDERICO RAMPINI

La ricetta di Stiglitz per l’euro: un euro flessibile

«La Grecia è una storia a parte. Tsipras ha avuto l’occasione di sganciarsi un anno fa, e non capisco perché non l’abbia fatto, io e Varoufakis l’avevamo consigliato in tal senso. Il risultato sono ulteriori sofferenze per la sua gente e sacrifici indicibili di cui non si vede la fine. Spero ancora che la Grecia lasci l’euro nel suo interesse». Continua a leggere La ricetta di Stiglitz per l’euro: un euro flessibile

Una commissione interna ha stabilito che l’FMI sulla Grecia ha sbagliato in pieno

Il giudizio sugli errori del Fondo – non inedito ma nuovo nella ricchezza dei dettagli e nella severità sul cotè politico – è implacabile riguardo ai negoziati con il Paese governato oggi da Alexis Tsipras. La critica non riguarda soltanto gli errori di valutazione economica commessi ab ovo, su cui l’ex capoeconomista Olivier Blanchard aveva già espresso un mea culpa nel 2013, ammettendo che «le correzioni strozza-crescita, insieme con l’austerità, hanno provocato una depressione economica» e innescato una spirale negativa sul debito che ha poi «richiesto continuamente nuovi aggiustamenti ». I 110 miliardi di euro del primo piano di aiuti per Atene, sottolineò l’economista francese all’epoca, erano serviti soprattutto «a rimborsare le banche straniere», leggi, tedesche e francesi imbottite di bond ellenici.
Per l’IEO le diagnosi e le ricette sottoscritte dalla Troika non hanno fatto altro che aggravare la crisi greca, «minando la credibilità del Fondo», che è stato sordo anche ai suggerimenti che venivano da una parte dello staff e che caldeggiavano già allora un taglio del gigantesco debito, cui i “falchi” dell’Eurozona, tedeschi in testa, si opposero sempre, soprattutto per ragioni di politica interna.
Il Fondo è accusato di aver “privilegiato l’Europa”; soprattutto, di essersi fatto spesso influenzare dal resto della Troika – segnatamente dalla Commissione Ue e dall’Eurogruppo nella formulazione delle proposte: la coabitazione con i funzionari europei “ha potenzialmente esposto i giudizi tecnici dello staff a pressioni politiche”. Continua a leggere Una commissione interna ha stabilito che l’FMI sulla Grecia ha sbagliato in pieno

“La grande frattura” di Joseph Stiglitz

Il Premio Nobel per l’Economia racconta come ha cominciato la sua ricerca. Mentre esce la raccolta dei suoi articoli – da repubblica.it * IL LIBRO La grande frattura ( Einaudi, trad. di D. Cavallini e M. L. Chiesara pagg. 435 euro 22) Nessuno oggi può negare che esista negli Stati Uniti una grande frattura tra i super ricchi – a volte definiti l’1 per cento – e gli altri. La loro vita è diversa: hanno preoccupazioni, aspirazioni e stili di vita diversi. Gli americani comuni si preoccupano di come pagheranno il college ai figli, di che cosa succederebbe se qualcuno … Continua a leggere “La grande frattura” di Joseph Stiglitz