“L’altra Caporetto” di Paolo Rumiz

TOLMINO ( SLOVENIA OCCIDENTALE) In questo viaggio non troverete una sola linea dritta. L’uomo che ne è protagonista, e che tenteremo di inseguire nelle sue pazzesche evoluzioni per montagne, crinali, canaloni e boscaglie, è un maestro di svolte, deviazioni, agguati e nascondigli. Cent’anni dopo, l’ombra di questo leggendario, imprendibile infiltrato lascia ancora impresse nel paesaggio le orme dei suoi zigzag sul confine orientale d’Italia. Il nome di costui è Erwin Rommel, protagonista dello sfondamento austro-tedesco sul fronte di Caporetto il 24 ottobre del 1917. Primo tenente del battaglione Fucilieri da montagna del Württenberg, a 26 anni non ancora compiuti, gestendo … Continua a leggere “L’altra Caporetto” di Paolo Rumiz

1917/2017 “Tecnica del colpo di Stato” di Ezio Mauro – La presa del palazzo d’Inverno

Ottobre Rosso: “Senza consultare Lenin, Trotzkij ha deciso che non serve più aspettare. Scende alla stanza 17 dello Smolnyj e dal Comitato Militare Rivoluzionario parte l’ordine che darà il via alla rivoluzione, mentre Antonov-Ovseenko segna con un cerchio sulla mappa della città il primo obiettivo. È la centrale del telegrafo, il vero mezzo di comunicazione della modernità, attraverso cui sono passati in quei mesi l’ultimatum della Duma, la ribellione dei generali, l’abdicazione dello Zar, l’illusione bonapartista di Kerenskij, il tentativo di golpe di Kornilov, la disperazione solitaria della Zarina, l’intero discorso politico russo del 1917.” Continua a leggere 1917/2017 “Tecnica del colpo di Stato” di Ezio Mauro – La presa del palazzo d’Inverno

“Il Buddha più bello Nel Gandhara, dove la Grecia incontrò l’arte dell’India” di JOHN ESKENAZI

Situata tra Pakistan e Afghanistan un tempo fu la regione in cui erano più intensi gli scambi commerciali, filosofici e culturali tra Occidente e Oriente In quelle valli si fusero insieme la civiltà portata da Alessandro Magno e la dottrina di salvezza universale predicata da Shakyamuni. E quell’ideale estetico si impresse nella roccia
  Continua a leggere “Il Buddha più bello Nel Gandhara, dove la Grecia incontrò l’arte dell’India” di JOHN ESKENAZI

“Orient Express. Il popolo sfuggito ai capitoli di storia” di FRANCO CARDINI

Tra la Siberia e la Mongolia vivono i buriati, custodi di una cultura millenaria diffusa su un continente dimenticato. Quello che, attraverso lo stretto di Bering, ghiacciato d’inverno, unisce l’Asia all’America Buddisti e sciamani sono la testimonianza della resistenza di tradizioni e culti sopravvissuti al passaggio delle epoche
  Continua a leggere “Orient Express. Il popolo sfuggito ai capitoli di storia” di FRANCO CARDINI

“La lunga notte della ragione che cancellò l’idea della tolleranza religiosa” di LUCIO VILLARI

Il 24 agosto del 1572 la Francia fu insanguinata dal massacro di San Bartolomeo contro la popolazione ugonotta. Una ferita sanata solo dopo la Rivoluzione Il sogno svanì in una notte di fine estate del 1572. A quel tempo Montaigne, nel suo castello, aveva iniziato gli Essays e nel cielo poetico della Francia splendeva la Pléiade, la costellazione di Ronsard e dei suoi sei amici, unita nel segno del verso alessandrino e del linguaggio libero, aperto ai diversi generi letterari e ai grandi sentimenti. Il sogno era quello di una Francia pacifica, tollerante, dove cattolici e protestanti, come già stava … Continua a leggere “La lunga notte della ragione che cancellò l’idea della tolleranza religiosa” di LUCIO VILLARI