Dal Manifesto – Pif: «Stiamo facendo pura antimafia»

Televisione. Dal 26 aprile su Rai1 seconda stagione per «La mafia uccide solo d’estate», serie ispirata all’omonimo film del regista palermitano. Con Claudio Gioè, Anna Foglietta, Francesco Scianna <img src=”https://static.ilmanifesto.it/2018/04/16vis2solowebfrancescoscianna-2.jpg&#8221; /> Francesco Scianna Stefano Crippa ROMA EDIZIONE DEL 17.04.2018 PUBBLICATO 17.4.2018, 0:16 AGGIORNATO 16.4.2018, 19:33 «State crescendo in un Paese dove vi dicono che le cose non possono cambiare e invece una dimostrazione che il cambiamento è possibile viene anche dal fatto che a Palermo ora ci sono 1000 negozianti che non pagano il pizzo alla mafia come non lo abbiamo pagato noi per girare la fiction». Lo dice Pif … Continua a leggere Dal Manifesto – Pif: «Stiamo facendo pura antimafia»

dal Fq.: Quei dossier del Caimano contro nemici e “traditori” di Gianni Barbacetto

Il Fatto Quotidiano 15 Apr 2018 » GIANNI BARBACETTO Ansa Ansa Irrilevante? Silvio Berlusconi il Condannato è stato espulso dal Parlamento e non si può candidare alle elezioni. Silvio Berlusconi il Politico ha perso per strada 10 milioni di voti ed è stato superato, nel centrodestra, dall’alleato Matteo Salvini. Eppure il leader di Forza Italia continua a presidiare la scena e a tenere congelato il quadro politico, permettendosi perfino di umiliare gli alleati con le sue squinternate gag al Quirinale. Perché resta, malgrado tutto, così forte? Perché ha ancora una dote di voti e un nutrito gruppo di fedeli in … Continua a leggere dal Fq.: Quei dossier del Caimano contro nemici e “traditori” di Gianni Barbacetto

dal Fq.: Tim, chi pagherà i 75 miliardi rubati dal libero mercato di Giorgio Meletti

  Il Fatto Quotidiano15 Apr 2018» GIORGIO MELETTI     La politica non riesce a fare il governo ma è impegnatissima nell’ennesima stucchevole discussione a vuoto sul futuro della rete telefonica. Ai cittadini – che pagheranno come al solito un conto salato alle brillanti idee di certi Soloni talvolta interessati – bisognerebbe spiegare la differenza tra il “mondo di sopra” (i finti temi apparentemente in discussione) e il “mondo di sotto”, le verità che nessuno – ministri, politici in genere e opinionisti sponsorizzati – osa pronunciare. IL MONDO DI SOPRAè noto. Il fondo Elliott punta a sottrarre ai francesi di … Continua a leggere dal Fq.: Tim, chi pagherà i 75 miliardi rubati dal libero mercato di Giorgio Meletti

Giuliana Sgrena sul Manifesto commenta l’attacco missilistico di Trump e c.: Non serve più nemmeno la «pistola fumante»

In guerra. La disinformazione serve anche a disorientare l’opinione pubblica che difficilmente riesce a leggere il contesto siriano e soprattutto a reagire sia al presunto uso di gas che ai bombardamenti. Nell’era della post-verità, ma sarebbe meglio dire della disinformazione, non servono prove
Continua a leggere Giuliana Sgrena sul Manifesto commenta l’attacco missilistico di Trump e c.: Non serve più nemmeno la «pistola fumante»

dal Fq.: Sos Jonio: in mare il veleno usato per le scorie nucleari AmbienteSostanze tossiche e cancerogene nella falda acquifera.

La Sogin smentisce. Il sindaco minimizza. La Procura sequestra Lucio Musolino, Reggio Calabria Sono finite in mare le sostanze tossiche e cancerogene utilizzate per il trattamento di decommissioning ( la completa demolizione) delle 64 barre di uranio provenienti da Elk River (Stati Uniti) e stoccate a Rotondella, in provincia di Matera. Questo pericolosissimo materiale utilizzato per eliminare le scorie nucleari, quindi, attraverso una condotta è finito nella falda acquifera che sfocia nello Jonio. Uno scandalo ambientale di cui si è avuta notizia venerdì ma che ha fatto rumore solo in Basilicata per ora. AL TERMINE dell ’ inchiesta condotta dai … Continua a leggere dal Fq.: Sos Jonio: in mare il veleno usato per le scorie nucleari AmbienteSostanze tossiche e cancerogene nella falda acquifera.

dal Fq.: Tutti i segreti di “Loro” 1 e 2, il doppio film di Sorrentino su Silvio

Resiste il “no” di Cannes: la paura di conseguenze legali Il Fatto Quotidiano 15 Apr 2018 » FEDERICO PONTIGGIA Sul set Un momento delle riprese. Con Paolo Sorrentino c’è Riccardo Scamarcio Ansa     Fatti Loro. Di Cannes, di Sorrentino e, ovvio, di Berlusconi. Il dittico con Toni Servillo dedicato a Silvio e alla sua corte non ha un posto al sole sulla Croisette. Strano, perché Sorrentino è di casa: dei suoi sette lungometraggi sei, eccetto il primo L’uomo in più (2001), hanno corso per la Palma. Loro è diverso: un po’ perché è stato suddiviso in due parti di … Continua a leggere dal Fq.: Tutti i segreti di “Loro” 1 e 2, il doppio film di Sorrentino su Silvio